mercoledì 21 febbraio 2018, ore
HOME
MILAN - Biglia: "Gattuso ci trasmette la sua maniera di vivere il calcio"
10.02.2018 17:59

Lucas Biglia, centrocampista del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Premium Sport dopo la vittoria contro la Spal: "La squadra sta crescendo, stiamo lavorando bene. Cutrone ha grandissima fame e Gattuso ci trasmette la sua maniera di vivere il calcio".

 

Ai microfoni di Sky Sport HD, nel dopo partita di Ferrara, il centrocampista del Milan Luca Biglia.

 

 

Quanto sono stati difficili questi sei mesi di Milan?

È stato difficile, l’infortunio, i risultati, poi, mi sono fermato perché stavo giocando con un dolore fortissimo al ginocchio e ho perso la fiducia. Ringrazio il mister perché è stato lui a prendermi, a mettermi in testa il lavoro, solo lavorare, guardare avanti, mi ha dato sostegno, tanto lui, quanto lo staff, i compagni e li devo ringraziare.

 

Vi ha davvero cambiato Gattuso?

Si, certo. Prima ci ha fatto sentire il calcio alla sua maniera, quello che faceva lui, che per noi è importantissimo, perché lui è stato un grandissimo. Già capire il calcio in quel modo è importante, poi, c’è tantissima qualità in questa squadra e con fiducia la sta tirando fuori. Sono quelli che fanno la differenza. Quello che stiamo facendo in campo, è grazie a lui e al suo staff, che in ogni allenamento non ci fanno rilassare un po’ e i risultati si stanno vedendo.

 

Come vivevi quei momenti in cui venivi criticato?

Sinceramente, non leggo, non guardo i canali di sport, guardo il calcio, certo, perché mi piace perché finita questa carriera, vorrei continuare in questo sport, che mi appassiona. So io quando sto bene o quando sto male e faccio tanta autocritica. So di non aver dato nei primi sei mesi quello che la gente da me si aspettava, ma la ringrazio per il sostegno che mi ha dato fino a oggi. Spero di ripagarla nella maniera migliore il più presto possibile ma, come ho detto, io sono il primo a essere autocritico. A volte si creano delle cose anche perché uno parla male la lingua, soprattutto. Ti paragonano a gente che è stata a un altro livello rispetto a me ed è una realtà.

 

Tipo?

Io non posso dire di essere simile a un giocatore come Pirlo, sono il primo a conoscere i miei limiti, il primo che vuole andare oltre i suoi limiti, ma non posso fare paragoni con un fenomeno del calcio. So di essere un giocatore più di equilibrio, più che di andare a fare un assist o un passaggio, quello che, magari, vogliono in tanti. Vorrei farlo, rimango dopo l’allenamento per farlo, per imparare, per crescere, ma devo conoscere i miei limiti e voglio andare oltre, perché voglio crescere ancora, anche perché ho una certa età, ma voglio andare oltre i miei limiti.

ULTIMISSIME HOME
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>
VEDI TUTTI I GIOCHI
RISULTATI E CLASSIFICHE IN DIRETTA >>> by Livescore.in