domenica 23 gennaio 2022, ore
CULTURA & GOSSIP
LA RADIAZZA - Il conciato romano prodotto nell'alto casertano protagonista, Lombardi: "Giovani, abbiamo bisogno di voi"
03.12.2021 18:21

Il nome potrebbe trarre in inganno. Questo formaggio, infatti, nonostante l’appellativo di romano, è tipico dell’alto casertano. Questa mattina gli studi di Radio Marte, durante la trasmissione La Radiazza di Gianni Simioli e Serena Licalzi, il programma in onda tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00, sono stati inebriati da un forte profumo. Esordisce in studio con ‘’buon conciato a tutti’’- Manuel Lombardi, accompagnato dalle sue anfore, il produttore del conciato romano, ha raccontato ai radio-ascoltatori la storia di questo antichissimo formaggio. ‘’Parliamo di un formaggio intenso e dal profumo ricco e quando lo assaggi travolge le papille gustative’’. Le sue tecniche di conservazione ed affinamento in anfore risalgono a 2000 anni fa, ai tempi della civiltà sannitica. Non è un caso, dunque, che questo formaggio, ormai divenuto sempre più raro, sia stato menzionato persino da Cicerone. ‘’L’ agricoltura è donna è anche l’agriturismo è donna, e se non fosse per le donne della mia famiglia, mia madre e mia moglie, non avremmo questo bellissimo prodotto’’. Il suo prezzo è di   60 euro al kg, 95 euro il 24 mesi e 140 euro il 36 mesi. Più che un formaggio è una vera esperienza di gusto e di storia, un modello sostenibile che racconta una terra di lavoro ancora ‘’felice’’, tanto da stimolare i giovani ad investire anima e corpo del dignitoso mestiere del contadino contemporaneo. L’agriturismo di famiglia oltre a produrre ‘’ il tartufo bianco del sud Italia’’ custodisce piatti della tradizione contadina locale, nel rispetto della filosofia del vero, che non è né ristorante né albergo, ma prima di tutto un’azienda vinicola dove non viene servito cibo, ma la cultura del cibo.

ULTIMISSIME CULTURA & GOSSIP
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>