lunedì 6 dicembre 2021, ore
HOME
MILAN - Ibrahimovic: "Non penso al futuro, questa squadra mi tiene giovane"
23.11.2021 00:44 Fonte: Sport Mediaset

Una lunghissima e articolata confessione. Il calcio, ma non solo. Zlatan Ibrahimovic ha parlato di sé, del suo presente, del futuro, ma anche di quello che è stato un passato ricchissimo di esperienze al The Guardian. Una conversazione a cuore aperto con il Milan ovviamente in primo piano: "Essere me non è facile. Ogni giorno mi sveglio, ho dolori ovunque. Questa mattina ho avuto dolori ovunque, ma finché ho degli obiettivi, finché ho l'adrenalina, vado avanti. So che sto arrivando a qualcosa di buono. Sto arrivando in un posto in cui ho bisogno di lavorare per mantenermi al top. Continuerò a farlo finché posso. Non voglio avere quel rimpianto se mi fermo e poi, tra un paio d'anni, mi siedo con te e ti dico: 'Avrei potuto continuare perché mi sentivo bene'. È meglio essere completamente finiti e dire: 'Non ce la faccio più'. Ma posso ancora farlo e lo sto facendo. Non si tratta di contratti o di essere famosi. Non ne ho bisogno. L'unica cosa che mi fa andare avanti è l'adrenalina perché ogni mattina ho dolori ovunque. Ma ottenere altri due follower non ti guarirà. Ottenere più soldi non ti guarirà. Ottenere attenzione non ti guarirà. Quello che ti guarirà è l'adrenalina. Non ho problemi a soffrire. Per me soffrire è come fare colazione. Ma molte persone non capiscono la sofferenza perché la nuova generazione, con tutte queste piattaforme, deve fare poco per ottenere credito. La generazione di prima di questa doveva fare molto per ottenere qualcosa. Sono molto orgoglioso di appartenere alla vecchia generazione".

 

Il Milan è la squadra più giovane in Champions League...
"Anche se ci sono io. È incredibile. Mi fanno sembrare giovane. Ha questo effetto, come Benjamin Button. Dopo sei mesi qui avrai i capelli scuri, fidati. Sono molto orgoglioso perché vedo questi giovani giocatori assumersi più responsabilità, cambiare mentalità. Questa è la mia felicità ora. Questa è la mia adrenalina. Esco e corro tanto quanto loro. Lo faccio da 20 anni. La gente pensa: 'No, Ibrahimovic, devi smetterla'. La mia mentalità dice diversamente. Lo faccio perché quando i giovani mi vedono lavorare dicono: 'Dopo tutto quello che ha fatto sta ancora [lavorando]. Devo farlo perché l'ha fatto lui.' Devo mostrarglielo con l'esempio".

 

Il Milan è in grande crescita: merito suo?
“Non sono quel cane che abbaia e non fa niente. io sono l'opposto. Quando sono stato qui per la prima volta [dal 2010 al 2012] eravamo delle superstar. Adesso è piena di talenti, la squadra più giovane d'Europa, ma siamo al top. Quindi è un progetto diverso ed è più soddisfacente perché se hai successo con le superstar, è prevedibile. Questo non è prevedibile. Se mi preoccupo per il futuro? No, mi concentro su oggi. Vivo il tempo presente. Carpe diem".

 

Una misura della longevità di Ibrahimovic è che ha giocato contro Paolo Maldini, che è stato un gigante della difesa del Milan dal 1984 al 2009, quando si è ritirato a 41 anni. Il figlio, Daniel , gioca al fianco di Ibrahimovic. Padre e figlio sono simili?
“Uno è il classico bravo ragazzo. L'altro è molto diverso. Sono felice che non siano la stessa cosa perché non è facile per il figlio essere paragonato al padre, soprattutto quando il padre ha la carriera che ha avuto. Stiamo aiutando il figlio in ogni modo. È un grande talento, ma io gli dico: "Fai il tuo gioco, combatti, poi aprirai la strada da solo". Sono felice. Ho giocato contro il padre e oggi gioco con il figlio. Giocherò col figlio di Daniel? No dai, è già un miracolo adesso".

ULTIMISSIME HOME
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>